Cerca

Cerca nel sito

Fedenatur

L'indubbia importanza del valore ambientale, la peculiarità di poter riequilibrare contesti fortemente urbanizzati, il potenziale educativo e ricreativo di tali territori non può che portare ad una politica di corretta pianificazione e razionalizzazione fruitiva di questi spazi, nei quali la trama urbana deve trovare un'armonica transizione negli spazi naturali. Si deve anche contenere la pressione antropica mitigando gli effetti che comporta mediante aree che potremmo definire di <<smorzamento>>, per la conservazione di alcuni ambiti-nuovi o di ecosistema più sensibili.

L'esperienza di gestione di diversi spazi naturali e rurali metropolitani e periurbani acquisita in questi ultimi anni ha evidenziato l'importanza di strutturarne il regime di protezione. Queste aree, data la loro localizzazione strategica, si caratterizzano per l'alto grado di pressione antropica che sopportano e, di conseguenza, per i forti impatti che ciò comporta.

Lo scambio di esperienza su modelli di pianificazione, protezione, gestione e finanziamento applicati in Europa non solo serve a riformulare strategie che cominciano a mostrarsi deboli, ma anche ad un continuo adattamento dei modelli vigenti alle più attuali tendenze.

Per questo motivo, partendo dalle riflessioni del <<2 Simposium sugli spazi naturali nelle aree metropolitane e periferiche>> (Barcellona, 1995), nasce la necessità di creare un'Associazione a livello europeo, dove lo scambio di esperienze sia fluido, solido, costante e dove sia sostenuto da una base tecnico-scientifica adeguata alle necessità espresse.

Da questi presupposti, differenti rappresentanti di organismi che gestiscono spazi naturali e rurali periurbani d'Europa, in occasione del Simposium di Barcellona, hanno proposto la creazione di una Federazione che risponda agli obiettivi descritti. Nell'ottobre 1996 una Rappresentanza del Parco Agricolo Sud Milano partecipa, a Lione, ad un incontro con le delegazioni di due altre realtà europee gestori di spazi con caratteristiche analoghe a quelle dei territori del Parco Sud più precisamente il Patronat Metropolità - Parc de Collserola (Barcellona - E) ed il Parc - Nature des Iles de Miribel Jonage (Vaux-en-Velin - F) incontro dal quale scaturisce la volontà di costituire congiuntamente una Federazione Europea di Spazi Naturali e Rurali Metropolitani e Periurbani da denominarsi "Fedenatur".

All'iniziativa aderisce qualche tempo dopo l'Agence Départementale pour la Protection et la Mise en Valeur des Espaces Sensibles (Aix-en-Provence - F).

Fedenatur si costituisce in Federazione in data 17 dicembre 1997, in Barcellona (E), con iscrizione nel Registro delle Associazioni della Generalitat de Catalunya - Departement de Justicia - Direcciò General de Dret i d'Entitas Juridiques di Barcellona al n. 318 - 2a.

L'Associazione non ha scopo di lucro e non può distribuire utili. Essa risponde ai principi ed allo schema giuridico previsti dalla legge 18 giugno 1997 n. 7 del Parlamento Catalano (E), relativa alle Associazioni con sede nel territorio della Regione Catalana (E).

La Federazione accoglie gli spazi che possiedono una qualità ambientale ricca e variegata, spazi individuali e delimitati da figure giuridiche capaci di protezione, urbanistica, ambientale o equivalente in ogni ordinamento giuridico dei diversi Stati Europei.

Condizione aggiunta è che questi spazi posseggano già un livello determinato di organizzazione della loro gestione.

Gli scopi della Federazione sono sostanzialmente quelli di:

  • Creare un'organizzazione legalmente riconosciuta dotata di autonomia patrimoniale perfetta talchè delle obbligazioni assunte risponde unicamente la Federazione con il proprio patrimonio.
  • Promuovere la protezione e la valorizzazione di spazi naturali e rurali, sottoposti a particolare pressione per la loro collocazione metropolitana o periurbana, spazi da considerare per la formulazione di strategie di sviluppo sostenibile.
  • Creare una rete di informazione e di documentazione a servizio degli scopi individuati in questo articolo, a tal fine vengono utilizzati mezzi di comunicazione con carattere di periodicità.
  • Coordinare azioni di ricerca e di scambio di esperienze anche attraverso la realizzazione di studi applicati alla protezione, conservazione e valorizzazione degli spazi naturali e rurali periurbani, come pure, fra le altre iniziative, organizzare fori di discussione e divulgazione, congressi, visite, scambi di personale tecnico.
  • Promuovere l'utilizzazione, compatibile con lo sviluppo sostenibile, delle risorse presenti in questi spazi.
  • Porre attenzione ai bisogni ricreativi e ludici della cittadinanza, attenzione basata sull'uso compatibile con la conservazione degli spazi protetti, evitando l'impiantarsi sul territorio di attività di forte impatto negativo dal punto di vista ecologico. Promuovere, con questa finalità, gli strumenti di sensibilizzazione, diffusione ed educazione ambientale.
  • Difendere la diversità degli ecosistemi e dei paesaggi e promuovere criteri di gestione ecologica dell'agricoltura nel quadro dello sviluppo sostenibile.
  • Promuovere azioni di ricerca e di scambio di esperienze inerenti le risorse destinate al finanziamento delle attività legate alla realizzazione degli scopi previsti dal presente articolo.
  • In generale, elaborare e promuovere politiche di gestione, di conservazione e di valorizzazione di questi spazi.

Possono associarsi a Fedenatur:

a) Organismi titolari di competenze dirette nella gestione di spazi naturali e rurali metropolitani e periurbani. Per divenire socio la superficie minima di spazio gestito è di 200 ettari.
Spazi di minori dimensioni possono associarsi tra loro al fine di raggiungere la superficie minima richiesta, ottenendo in questo modo la possibilità di diventare socio con un rappresentante, con diritto di voto.

b) Organizzazioni non Governative (ONG) con interessi diretti nella conservazione di spazi naturali e rurali metropolitani e periurbani.
Sono Organi di Fedenatur l'Assemblea Generale, il Consiglio, il Burò ed il Presidente:

Per favorire lo scambio di esperienze in tema di pianificazione, gestione, protezione, sensibilizzazione e finanziamento di questi spazi e per sviluppare attività congiunte a livello europeo, sono state costituite le seguenti commissioni tecniche:

  1. Commissione delle relazioni e interscambi;
  2. Commissione del regolamento interno;
  3. Commissione sui meccanismi di finanziamento;
  4. Commissione sulla fruizione (servizi, accoglienza, tempo libero);
  5. Commissione sulla promozione, divulgazione ed educazione ambientale.

Fedenatur organizza giornate tecniche, cicli di conferenze, visite dei parchi naturali, e promuove l'elaborazione di progetti congiunti tra i membri associati.

E-mail: contact@fedenatur.org
Sito: http://www.fedenatur.org